• n. 2 del 15 settembre 2019

    Signore, tu non sei un Dio dei giusti,
    dei puri, di coloro che sono a posto,
    un Dio che ama solo quelli che rispondono correttamente.
    Tu cerchi chi si è smarrito,
    ti dai da fare, ci carichi sulle spalle, ci porti a casa.
    Tu ci cerchi nelle nostre solitudini e nelle nostre lontananze.
    Ma talvolta anche questo ci da fastidio.
    E allora ci aspetti, osservandoci da lontano,
    correndoci incontro appena facciamo un passo verso di Te.
    Com'è difficile credere fino in fondo nella tua misericordia
    che non pretende contraccambio,

  • n. 1 del 8 settembre 2019

    Se uno viene a me … Lc 14,25

  • n. 43 del 30 giugno 2019

    La proposta di Gesù presuppone una scelta radicale e totale,

    una scelta di vita!

    Signore, seguire te ai nostri giorni, richiede una fede,

    un abbandono, nonché un distacco dalle “cose” che, invece,

     nella quotidianità spesso mi distraggono e mi allontanano

    dal disegno che hai su di me.

    Aiutami a rinunciare, almeno in parte,

    a quell’io egocentrico e non sempre inclusivo

    per indicarmi un cammino diverso,

    più consapevole;

     un percorso spirituale da credente in azione,

     in sintonia col tuo essere nomade,

  • n. 42 del 23 giugno 2019

    Cristo Gesù, Maestro,
    Ti ho seguito in quel luogo deserto sulle rive del lago di Galilea,
    affascinato dalla tua parola;
    giunta la sera, avevo fame, ma non ho voluto staccarmi da Te.
    Ti ho visto alzare gli occhi al cielo,
    benedire quei cinque pani e due pesci
    e condividerli con la moltitudine che ti seguiva:
    tutti, nessuno escluso, hanno mangiato a sazietà.
    Hai ripetuto lo stesso gesto il Giovedì Santo,
    ma in quell’occasione non ti sei limitato ad offrire solo il pane,
    hai offerto Te Stesso:

  • n. 41 del 16 giugno 2019

    Tu sai

    Davanti a ciò che non capiamo,

    aiutaci a rispondere “Tu sai Signore, io mi fido”

    Per tutte le volte che volevamo andasse diversamente, con fiducia

    “Tu sai Signore, il bene per me”.

     

    Davanti al male che ci ferisce “Tu sai, hai un progetto più grande”.

     

    Davanti a tutti i fallimenti, davanti alle incertezze, alle paure,

    quando il cammino diventa oscuro e insidioso come una giungla,

    “io non capisco, Tu sai”.

     

    Passando attraverso il dolore e la prova

  • n. 40 del 9 giugno 2019

    O Santo Spirito,

    che abiti in noi, illuminaci e guidaci.

    Tu che sei verità facci comprendere le parole di Gesù,

    rendile vive e attuali.

    Dacci il coraggio e la forza per essere coerenti al Vangelo.

    Sii voce nella nostra coscienza per fare sempre la Volontà di Dio.

    Dacci un cuore di carne

    per accogliere ed amare il prossimo che ci passa accanto.

    Elargiscici i tuoi santi doni

    per essere testimoni degni del tuo amore.

     

    Francesca e Paolo

     

  • n. 39 del 2 giugno 2019

    Signore,

    oggi scopriamo il tuo amore per noi:

    lo vediamo nei nostri genitori,

    parenti, amici, nella comunità

    e in tutti coloro che prendono parte

    a questo nostro punto di arrivo e nuova partenza.

    Ritroviamo il tuo Amore in noi stessi,

    nella nostra scelta di vita.

    Donaci la capacità di essere testimoni del tuo amore

    anche quando non è la strada più semplice o scontata.

    Attraverso la comunità e la famiglia,

    sostieni i nostri passi e guidali affinché possiamo,

    oltre che ricevere, anche donare.

  • n. 38 del 26 maggio 2019

    Canto di Miriàm

    Di chi è questo figlio perfetto,

    chiederanno guardandolo in viso,

    di chi è questo seme sospetto,

    la paternità del tuo sorriso?

    E’ solamente mio, è solamente mio,

    di nessun’altra carne, è solamente mio.

    E’ solamente mio  , è solamente mio,

    finchè dura la notte è solamente mio.

    Chi è questo figlio cometa?

    Chi è questo mio clandestino?

    Spillato da fonte segreta,

    venuto al travaso del vino?

    E’ solamente Mio, è solamente Mio,

    il suo nome stanotte è Solamente Mio.

  • n. 37 del 19 maggio 2019

    "Ecco la tenda di Dio con gli uomini"

    Eccola!

    Ad ogni festa di Primavera

    la nostra tenda ci attende.

    Siamo in cammino Signore!

    La comunità viene verso la luce della Tua Gloria.

    Qui, a Campalto,

    una piccola sosta per riposare, festeggiare, gioire e ringraziare.

    Questo è il momento nel quale riscoprirsi comunità.

    La tenda a cui oggi diamo vita, sia sempre nuova,

    più grande e più misericordiosa,

    a segno di un popolo, "Il popolo di Dio".

    Valentina

     

  • n. 36 de 12 maggio 2019

    Signore, oggi i nostri figli

    ti incontreranno per la prima volta

    nel pane e nel vino.

    In questi anni ti hanno conosciuto piano piano,

    hanno imparato chi sei,

    disegnando, chiacchierando e condividendo pensieri,

    e hanno scoperto quanto li ami.

    Noi genitori li accompagniamo e sosteniamo  giorno dopo giorno.

    Aiutaci a non dimenticare l’emozione forte

    che ci pervade nel giorno della loro prima comunione.

    Sostienici nella tua immensa misericordia,

    ricordandoci che comunione significa “spezzare il pane insieme”

  • Pagine