Schede primarie

n. 22 del 4 febbraio 2018

Cristo Gesù, quanta sofferenza  intorno a me!
Quanto dolore in me! La mia vita sembra senza speranza.
E come Giobbe nello sconforto,
dopo essere stato colpito negli interessi, negli affetti e nel fisico,
anch’io Ti presento la mia angoscia: “perché tutto questo?”
Non è una provocazione, non è un grido di ribellione,
non è la pretesa di avere la risoluzione della malattia in salute.
Molte sono le risposte che si possono dare a questo interrogativo
e dalla risposta dipendono le scelte conseguenti:  
la mia vuole essere una  richiesta di contatto, di conoscenza e di intimità,
una preghiera di  relazione e di incontro esistenziale con Te.
La sofferenza è una peculiarità dell’uomo
e per questo non può essere esentato dal dolore fisico e dalla sofferenza:
non avrebbe coscienza della propria  identità.  
Anche tu Gesù/Medico hai accettato la Croce!
Dopo la mia scelta, mi ritrovo sereno al tuo fianco
con la mia mano ripiena della Tua,
per continuare insieme il cammino della vita.                         

Francesco

Allegati
gravatar

0 Comments

You may interested